feed

“il Mistero dell’Intuizione”

intuizione

Scrivere sull’intuizione e sull’apprendimento intuitivo è veramente un compito arduo nel linguaggio razionale delle parole. E’ un fatto che musicisti, artisti, poeti e quanti impiegano forme di espressione non verbale, hanno un accesso più diretto alla conoscenza intuitiva ma,  ciò nonostante, molti di noi sentono il bisogno persistente di comunicare la propria esperienza e cercano di farlo con le parole.

Per esperienza tutti pensiamo di conoscere l’intuizione, eppure essa resta spesso repressa o non sviluppata, in quanto funzione psicologica ( apparentemente), l’intuizione è un modo di conoscere, come sensazione, sentimento, pensiero. Quando sappiamo qualcosa in modo intuitivo invariabilmente essa suona come vera, eppure spesso non sappiamo come sappiamo ciò che sappiamo.

Benché tutti possediamo l’intuizione, essa è più sviluppata e più immediatamente utilizzabile in alcuni di noi  rispetto ad altri; tuttavia possiamo risvegliarla e impiegarla in modo utile e proficuo nella nostra vita profana.

Imparare a usare l’intuizione significa imparare a essere il proprio maestro e a mettersi in contatto con il nostro guru interiore.

Il ruolo dell’intuizione nella creatività, nella risoluzione dei problemi e nelle relazioni interpersonali è vitale, eppure spesso lo sminuiamo e lo consideriamo con sospetto perché non lo comprendiamo.

Spesso siamo spaventati da esperienze che sembrano insolite, illogiche o paranormali e non utilizziamo quindi la nostra intuizione come fonte di ispirazione creativa o di informazioni attendibili riguardanti noi stessi e il nostro ambiente.

Tutti noi, però, potremmo riuscire ad impiegare più pienamente le nostre capacità intuitive man mano che diventiamo più consapevoli del modo in cui funziona l’intuizione e dare un’attenta considerazione ai problemi della nostra accettazione e interpretazione.

Il risveglio dell’intuizione ci permette di vedere più attentamente e più chiare le scelte da fare ed è pertanto un’esperienza liberatoria. Però, prima di sperimentare questa liberazione , occorre operare una scelta fondamentale riguardo all’intuizione stessa ; se vogliamo o non vogliamo dedicare tempo e attenzione al suo risveglio.

In ogni momento siamo consci soltanto di una piccola parte di quanto conosciamo; l’intuizione permette di attingere alla vasta riserva di conoscenze inconsce che racchiude non solo tutto quello che abbiamo sperimentato o imparato in modo conscio, ma anche l’infinito serbatoio dell’inconscio collettivo.

Risvegliare l’intuizione non significa  “ottenere di più”, ma “essere di più”, ciò che siamo realmente.

Se reagiamo alle situazioni in modo automatico, per abitudine o condizionamento, la nostra esperienza non è libera. Come la scelta, la libertà diventa reale soltanto quando sappiamo di possederla. L’intuizione ci permette di vedere e giudicare le possibilità implicite in una situazione ed apre la strada alla libertà interiore, che può di conseguenza essere espressa in scelte personali.

Esplorare l’ignoto è la funzione dell’intuizione, farci percepire ciò che è nascosto, i significati oscuri delle immagini simboliche e i motivi inconsci in noi stessi . Nella creatività , quando diamo libero corso all’immaginazione essa può produrre una quantità enorme di materiale inutile insieme a materiale molto prezioso.

Quello che è tipicamente intuitivo in questo processo è il fattore dell’ispirazione. L’ispirazione creativa non può avvenire su comando, eppure quando arriva porta con sé un’enorme forza ed energia che può permettere ad un libero muratore di fare un lavoro grande e porta anche la convinzione e la certezza della visione intuitiva. Spesso non siamo in grado di spiegare perché abbiamo avvertito la spinta ad eseguire un particolare lavoro, però sappiamo in coscienza che quel lavoro va fatto. Il Budda insegnò che l’intuizione, e non la ragione, è la fonte della verità e della saggezza.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento




Il tuo commento:

dippiù?